Loading...
Miglior Allarme Casa, scopri le nuove frontiere Notizie

Miglior Allarme Casa, scopri le nuove frontiere

27/12/2021

Sei alla ricerca del miglior allarme casa? In questa guida guarderemo con occhio attento tutti gli aspetti che bisogna valutare per trovare il miglior antifurto casa per la tua abitazione. 

Nel corso dell’articolo analizzeremo quindi le differenze tra le varie tipologie di allarmi, sensori e modelli e approfondiremo la possibile detrazione fiscale del 50%.

 

A cosa serve un allarme per la casa?

La Casa è dove ci sentiamo, o dovremmo sentirci, al sicuro. È il luogo dove crescono i nostri figli e dove sono custoditi i nostri ricordi e i nostri averi. Rientrare dal lavoro e trovare casa a soqquadro può essere un vero e proprio incubo ad occhi aperti e uno shock emotivo (e talvolta economico) dal quale è eroico riprendersi.

Visto che prevenire è meglio che curare, molti si affidano a sistemi di allarme antifurto per la sicurezza della propria abitazione. Sensori di movimento e videocamere controllabili dal cellulare possono trasformare qualsiasi casa in una piccola Casa Bianca.

Scaviamo a fondo tutte le tipologie di allarmi e gli elementi che bisogna tenere in considerazione per acquistare l'allarme casa migliore e il miglior antifurto per casa:

  

Tipologie di allarmi

 

  • Allarme Wireless (Allarme senza fili): il sistema più in voga negli ultimi anni. Da un lato, non richiedendo opere murarie, è facilmente installabile, ma dall'altro è meno sicuro perché è basato su onde radio, che possono venire disturbate causando ritardi nell'attivazione del segnale.

 

  • Filare: si riferisce a un impianto cablato. È il più sicuro in quanto le sue parti vengono connesse tramite cavi, ma la sua installazione può necessitare di importanti lavori in casa e collegare sensori esterni lontani dalla centralina principale non è semplice.

 

  • Misto: per ovviare ai limiti del sistema filare e a quelli del sistema wireless, sono stati sviluppati particolari impianti antifurto che, per i sensori esterni, usano la tecnologia wireless mentre i sensori interni vengono connessi tramite cavi alla centralina. Il sistema misto è il miglior sistema di allarme.

 

  • Finti: copie fedeli ed economiche di antifurti reali. Vengono spesso abbinati a sistemi di allarme veri per dare l'impressione che la casa sia più sorvegliata di quello che realmente è.


Le nuove frontiere degli allarmi per casa

 

  • Videosorveglianza: alcuni sistemi di allarme per casa comprendono set di videocamere da piazzare in casa o all'esterno per una coperta totale che rappresenta un ulteriore deterrente per i ladri.                                                                                                                                                                     

  • Vigilanza: pagando un canone mensile extra, è possibile anche fare affidamento ad istituti di vigilanza che, in caso di allarme, contattano le forze dell'ordine ed offrono un supporto che può fare la differenza, ma non è garantito nell'immediato. Il sistema può impiegare anche più di mezz'ora per intervenire.                          

 

  • Controllo in remoto: alcuni impianti antifurto hanno una centralina che può connettersi ad internet e, tramite una specifica app sul cellulare, “dare un'occhiata” alla situazione a casa anche se ci si trova dall'altra parte del mondo.


 

 Tipologie di sensori 

 

  • Perimetrali: servono per proteggere il perimetro della tua abitazione, cioè gli ingressi e le vie di comunicazione con l'esterno;

 

  • Magnetici: formati da due componenti che formano un circuito. Quando questo viene interrotto, scatta l'allarme. Sono sensori ideali per finestre e porte;

 

  • Di movimento o “volumetrici”: servono per rilevare il passaggio di persone o per creare delle barriere invisibili sulle finestre; 

 

  • Con video verifica: scattano foto o brevi video quando l'allarme viene attivato; 

 

  • Per gas o fumo: emettono un segnale acustico ed uno luminoso quando rilevano la presenza di gas o fumo nell'ambiente.

In base a che cosa scegliere un allarme?

Come prima cosa, bisogna prendere in considerazione 7 elementi di fondamentale importanza:

  • tipologia di abitazione (appartamento, villetta, casale ecc...); 

  • numero di ingressi/vie di accesso possibili; 

  • numero di stanze/metratura; 

  • tempo in cui la casa resta vuota; 

  • presenza di garage, balconi o giardini;

  • presenza di animali domestici; 

  • rischio della zona in cui abiti.

N.B. Ragionare sui punti deboli della casa e su questi elementi può aiutarti a scegliere e personalizzare l'antifurto giusto per te.

 

Attenzione alla compatibilità

Alcuni sensori acquistabili on-line funzionano solamente con alcuni modelli di antifurto. Se vuoi ampliare il tuo sistema di sicurezza per casa accertati che tutte le componenti “extra” siano compatibili e in armonia con il sistema principale che già utilizzi.

 

Quanto costa un allarme per casa?

Dipende da vari fattori, tra cui il numero e la tipologia dei sensori e le diverse tecnologie sfruttate dall'impianto. 

Le versioni più economiche partono da un prezzo di circa 40-50 euro e generalmente comprendono solo una sirena e qualche sensore per porte e finestre.

Le versioni più complete per case “inespugnabili” arrivano, invece, a costare centinaia di euro.

Bisogna fare qualche calcolo e valutare quale fascia di prezzo sia più in linea con il valore degli oggetti nell'abitazione.

 

Hai un allarme? Fallo sapere!

Non sottovalutare l’uso di cartelli dissuasori che avvisano il ladro che la proprietà è sorvegliata e protetta da un sistema di allarme. Questi potrebbero convincere il ladro a desistere.

 

Detrazioni Disponibili

Chi vuole acquistare un antifurto o un impianto di allarme può usufruire di una detrazione fiscale del 50% delle spese sostenute per un massimo di 96.000 euro.

Si può accedere a questo “bonus antifurto” istituito dal Governo, che copre anche la progettazione e l'installazione del sistema, se si rispettano alcune regole:

 

  • il pagamento deve avvenire attraverso Bonifico Parlante;

  • l’impianto deve essere installato da installatori antifurti (ovvero da una ditta o da un professionista);

  • essere assoggettato all'Irpef;

  • nella Dichiarazione dei Redditi va riportata la spesa complessiva e i dati catastali dell'immobile dove è stato installato l'impianto;

  • conservare i documenti relativi ai lavori;    

  • essere in regola con i pagamenti TASI o IMU.   

N.B. Nel bonifico “parlante” bisogna indicare:

 

  • la causale del versamento (riferendosi all'articolo 16 del Dpr 917/1986);    

  • totale della fattura;    

  • codice fiscale del beneficiario della detrazione;    

  • partita iva della ditta o codice fiscale del professionista che installa l'antifurto.

Kit Antifurto Casa Prezzi (per fasce):

 

Il Tiiwee X1 ad un costo di circa 50 euro, è senza dubbio il kit allarme casa più completo nella sua fascia di prezzo: 

 

  • ha un tono di allarme di 120 decibel e una app dedicata che ti avvisa per notifica se un membro della famiglia è uscito o rientrato; 

 

  • vanta un'installazione intuitiva e veloce ed un'ottima compatibilità con Alexa;

 

  • il kit è composto da 5 sensori per porte e 2 telecomandi, ma il sistema si può estendere fino a 20 sensori, personalizzabili da 5 telecomandi.

 

 

L'Ezvic BS-113A A1 kit Internet Alarm, acquistabile ad un prezzo base di 200 euro, è compatto e ideale per chi desidera sfruttare molte funzioni e compatibilità:

 

  • il sistema di allarme A1 unisce la tranquillità domestica alla facilità di gestione;

 

  • si programma inquadrando un codice QR e seguendo poi la guida vocale; 

 

  • il punto forte di questo modello sono infatti le decine di componenti extra, come sensori di fumo e videocamere da esterno, che vengono pienamente integrate e coordinate dall'apposita app.

 

 

 

 

Il KIT Solar Plus M2EB è un kit completo, tra i più venduti al mondo, perché rileva il movimento anche in piena oscurità per garantire una protezione 24 su 24:


  • il microfono e l’altoparlante integrati permettono di controllare i suoni della propria abitazione o attività commerciale;

 

  • se il ladro riuscisse a tagliare i fili elettrici, la centralina continuerebbe ad operare comunque grazie a una potente batteria tampone. 


  • anche questo modello ha un costo di base intorno ai 200 euro.

 

 

 

 

Il KIT Bentel ABS 16 è più costoso dei modelli precedenti, ma a fare la differenza sono i componenti pregiati e affidabili dei sensori che li rendono straordinariamente reattivi:


  • la qualità dei componenti rende questo kit decisamente degno di fiducia.

 

  • non cade in falsi allarmi o rischi di manomissione. 


  • può gestire fino a 16 zone di ingresso.

 

 

 


 

L'Ajax System StarterKit Cam Plus, impianto dal valore di circa 750 euro, crede che la comunicazione con il mondo esterno sia fondamentale per sistemi di sicurezza casa: 

 

  • fornisce video-verifiche all'utente in meno di 9 secondi, anche sul cellulare direttamente.

 

  • è il cuore di un sistema di sicurezza a più livelli, che può arrivare a gestire fino a 200 dispositivi: rilevatori di movimento con video-verifica di eventi e sirene, rilevatori di incendi e perdite di gas.

 

  • è possibile aggiungere 200 utenti al sistema e creare 25 gruppi di sicurezza, per così dividere i grandi locali in zone e organizzare l'accesso. 

 

  • i prodotti Ajax System sono tra i migliori sistemi di allarme e possiedono gli allarmi casa migliori.

 

 

 

 

Ora hai tutte le informazioni necessarie per trovare il tuo miglior allarme casa. In bocca al lupo!



 

Giffi Noleggi srl - P.iva 01866180662
Cap. Soc. € 1.000.000,00 Int. Versato - © 2020